Home / Salute / Fumo in gravidanza: perchè smettere di fumare?

Fumo in gravidanza: perchè smettere di fumare?

Uno studio condotto nel Regno Unito ha rivelato che il fumo in gravidanza rallenta la crescita del feto. Come è già noto, tutti i medici vietano di fumare in gravidanza. Lo studio che ci arriva dal Regno Unito, va oltre questa affermazione e indica una buona ragione per cui smettere di fumare: il fumo rallenta la crescita del feto.

Il fumo in gravidanza è un questione che, da sempre, crea due schieramenti. Da una parte abbiamo i medici e le donne che smettono di fumare per il bene del feto, dall’altra abbiamo le madri che, pur sapendo che fumare in gravidanza nuoce gravemente alla salute del bambino, non riescono a farne a meno. Si stima, infatti, che tra il 5 e il 26% delle fumatrici in Europa e negli Usa non smettano di fumare in gravidanza. Il fumo, non solo è pericoloso durante la gravidanza, ma anche durante l’allattamento. In questa fase, infatti, il bambino è ancora in stretto contatto con la madre. Anche se non ci sono più la placenta o il cordone ombelicale che li collegano, esiste comunque un legame: il bambino che si nutre di latte materno assimila ancora tutte le sostanze che la madre introduce nel suo corpo.

Secondo lo studio che ci arriva dal Regno unito, il fumo impedisce al feto di crescere secondo gli standard. Si parla, in particolar modo del sistema nervoso: generalmente, un feto in salute tende a muovere la bocca e a toccarsi il viso in modo ripetuto. Con l’avvicinarsi della data del parto, l’abitudine viene persa perché il progressivo sviluppo del sistema nervoso centrale comporta un maggiore controllo motorio. Lo studio ha evidenziato che nelle fumatrici il feto continua a compiere entrambi i movimenti con elevata frequenza.

Le osservazioni, quindi, suggeriscono che il fumo potrebbe essere responsabile dello sviluppo ritardato del sistema nervoso centrale. La dottoressa Reissland, che ha condotto lo studio, afferma anche che è stato condotto su un numero ristretto di donne. Per poter affermare che lo studio non è soltanto un’ipotesi, è necessario procedere con l’analisi di molti più campioni.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Cancro alle ovaie: ancora una condanna per il talco Johnson & Johnson

Il cancro alle ovaie potrebbe manifestarsi a seguito dell’uso frequente di alcune ...