Home / Prima pagina / Il fallimento delle Authority Costano il doppio che in Europa

Il fallimento delle Authority Costano il doppio che in Europa

A dicembre del 2011, il neo presidente del Consiglio Mario Monti varò il progetto Authority leggere. Sono passati due anni e mezzo. Una mini dieta c’è stata. Ma l’ok per la prova costume è ancoraunsogno. LeAutoritàindipendenti con i circa 1800 dipendenti costano di personale (compresi gli esterni) addirittura 207 milioni di euroedoppianolespese dellecugine europee.Nel 2012 la paga lorda media dei dipendenti si è aggirata sui 78mila euro; il che significa un costoaziendale superioreai110mila. Importo che arriva a circa 140mila in Consob, l’autorità che controllaBorsa e società quotate, e in Aeegsi, che si occupa di energia e acqua. Il valore medio dei costi per dipendente nell’Ivass (ex Isvap, ovvero assicurazioni) rientra nella media nazionale, mentre se si prende in considerazione l’Autoritàper laprivacy si sale a circa 130mila euro. Nel complesso quattro anni fa il costo medio dei dipendenti superava i 120mila euro. Ma il taglio di diecimila euro scarsi è una nocciolina, se si consideracheinGermania, Spagnae Inghilterra più o meno si spendono 60mila euro pro capite. Il calcolo non è certo statistico ed è suscettibile di qualche imprecisione. Ma l’ordine di grandezza è il seguente: laOfgem, l’Autoritàdell’energia inglese, nel 2012 ha speso per 637 dipendenti circa 46 milioni di euro, ovvero 72mila euro pro capite. La Bundesnetzagentur, che si occupa di gas, elettricità, telecomunicazioni e rotaie, per i circa 2700 dipendentiha speso unamedia di61mila euro. Infine la Cnmc spagnola, l’Autorità dei mercati, con meno di 200 persone a busta paga si è aggirata sui 48mila euro.Messi assieme gli importi e diviso per tre fa circa60mila euro.Anchei costimedicomplessivi dei collegi in Italia a confronto sono stratosferici. Se la Germania spende circa 176mila euro,l’Autorità per l’Energia siavvicina ai 400mila euro e si arriva a 600milaper leAutorità piùdispendiose. Le retribuzioni, come quelle dei commissari e dei presidenti delle Authority, sono al di sotto del tetto agli stipendi dei vertici della Pa introdotto dal 2012, ma risultano di gran lunga al di sopra di quella del capo dello Stato (239.181 euro lordi) che il governo Renzi ha individuato come parametro di riferimento per i super-manager pubblici. Daidati fornitidallaRagioneria di Stato con il Conto annuale 2012 emerge l’elevato livello retributivo della dirigenziale: il 17,7% della spesa complessiva per redditi nel pubblico impiego (in tutto 147,5 miliardi che diventano circa 158miliardi tenendo conto del costodel lavoro)èassorbitadastipendi superiori ai 50mila euro lordi (tra i2.500 e i 2.900 euro nettimensili). Sulle retribuzioni dei 156mila dirigenti pubblici ha già puntato i suoi riflettori l’Ocse con un report con cui ha evidenziato che nel 2011 lo stipendio di un seniormanager del settore pubblico era di 650mila dollari, quasi il triplo di quellomedio di tutti imembridell’Organizzazione (232mila dollari) e superiore a quelli di Gran Bretagna (348mila), Stati Uniti (275mila), Francia (260mila) e Germania (231mila).Nel2012 e 2013, leAutorità indipendenti hanno già avuto interessanti limitazioni. Assunzioni di personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato entro il limite del 20%delle risorse relative alla cessazione dei rapporti di lavoro intercorsi nell’anno precedente. In ogni caso ilnumero delle unità di personale da assumere non poteva eccedere il 20% delle unità cessate nell’anno precedente. Le percentuali però aumenteranno nella misura del 50% per 2014 e del 100% a decorrere dall’anno 2015. Eppure qui sarebbe più semplice intervenire e la dieta andrebbe applicata sulle intere logiche di costi per arrivare a standard europei. Non il solito turnover ma una vera e radicale riorganizzazione. Per il presidente del Consiglio,Matteo Renzi, potrebbe essere un obiettivo da raggiungere assieme al promesso taglio del 10%delle bollette per le pmi. A cominciare dall’Autorithy per l’energia che ha una sede a Milano, un ufficio aRoma e una decina didirettori centrali ed è impegnata in questo momento a dare attuazione al taglio promesso da Renzi. Fatto 14 miliardi l’importo delle bollette per le aziende serve dunque unmiliardo emezzo di risparmi traonerie costiocculti.Paradossalmente però è stato varato la scorsa settimana un documento che si chiama capacity payment. Si tratta di una consultazione urgente (solo otto giorni) al termine della quale per equilibrare il sistema dei flussi energetici si prevederàuna formadi retribuzione transitoria a favoredegli impiantia ciclo combinato. In pratica se la capacità intermittente crescesse ancora a ritmi aggressivi servirebbe maggiore flessibilità da parte delle centrali. I cicli combinati oggi non sarebbero in grado di darla e quindi si pensa a incentivarli. Secondo le stime ufficiali si tratterebbe di un aggravio di costi che viaggia tra i 500 e i 600milioni. Secondo alcuni esperti del settore fino a 1,5miliardi. Non è detto che il tutto si concretizzi (sene era giàparlato nei tempi dimaggiore crisi di liquidità di Sorgenia) e non è detto che gli oneri finiscano in bolletta. C’è da augurarselo. Perché anche se tale cifra non dovesse ricadere sullebollette imaggiori costi farebberodacontraltare aquell’eliminazione degli oneri occulti necessaria per attuare il taglio a favore dellePmi. Nelmigliore dei casi gli aiuti alle centrali combinate dimezzerebbero il taglio annunciato da Renzi. Nel peggiore lo ammazzerebbero prima di nascere.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Anticipazioni Uomini e Donne: Cristian Gallella, debutto all’Isola rimandato

Uomini e donne : nella prima puntata dell’Isola dei Famosi nessuna traccia ...