Home / Economia / In Italia meno figli, prevale la paura

In Italia meno figli, prevale la paura

In Italia il periodo della crisi non è del tutto superato, anche se c’è un netto miglioramento rispetto a qualche tempo fa. Il problema principale però resta l’incertezza, la paura insomma che da un momento all’altro ci si possa ritrovare praticamente nella totale povertà. Non c’è assolutamente sicurezza per il futuro, solo un continuo punto interrogativo che probabilmente non svanirà molto facilmente. Tutto questo stato di insicurezza, di paura, di negatività sta letteralmente affossando le nascite in Italia.

Natalità sempre più bassa in Italia

Che significa questo? Sempre più italiani temono fortemente di non riuscire a mantenere i propri figli, donare loro un futuro sereno e per questo preferiscono assolutamente evitare di procreare. Una situazione che lascia un bel po’ perplessi e che evidenzia uno stato di tristezza generale che non lascia al momento spazio all’ottimismo e alla positività. Tutto risulta essere assolutamente negativo e di base c’è purtroppo sempre l’economia, la possibilità di ritrovarsi da un momento all’altro con una crisi dalla quale può essere complicatissimo uscirne. Certo è che tale pensiero finirà praticamente per affossare ancor di più il nostro Paese, qui a nulla valgono i vari bonus bebé o altri sussidi di tale genere per le famiglie italiane, c’è un vero e proprio terrore di mettere al mondo dei figli.

La paura di una nuova crisi

Eppure si sa come proprio i più piccoli siano il futuro di un Paese e lasciarsi sopraffare dal timore, dalla negatività non farà altro che peggiorare ancor di più l’intera situazione. Il tasso di natalità di questo passo continuerà ad essere sempre più basso e l’unica soluzione per cambiare le cose è provare a cambiare il proprio pensiero. L’italiano medio è pessimista, la crisi economica ha ancor più alimentato i pensieri negativi, ma è opportuno che ci si lasci travolgere dalla gioia e dall’amore di mettere al mondo un figlio, altrimenti il futuro risulterà ancora più nero e cupo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

San Francisco, impiegata di “Eat24” critica l’A.D. e viene licenziata due ore dopo

La Yelp è un’azienda che conta tremila dipendenti in tutto il mondo ...